Defibrillatore

 

Può sembrare antipatico parlare di  defibrillatore quando si parla dell’offerta dei servizi di uno studio dentistico, in quanto si sa che il defibrillatore si rende utile in caso di arresto cardio circolatorio.

Consapevoli e speranzosi che questa tecnologia resti inutilizzata, negli anni, riteniamo questo investimento economico uno sforzo moralmente etico.

Il defibrillatore all’interno dello studio dentistico non è obbligatorio ai termini di legge. L’elevato costo di acquisto e manutenzione, lo rende poco presente all’interno di un normale ambulatorio medico dentistico. La sua funzione lo rende comunque un indispensabile ausilio salvavita, ed è noto che in caso di emergenza medica la sua disponibilità immediata, qualora se ne presenti la necessità,  può fare la differenza tra la vita e la morte del paziente.

Personalmente ritengo che la presenza in studio di un defibrillatore DAE, sia sinonimo di grande responsabilità, professionalità e competenza, un importante valore aggiunto per lo studio dentistico, un  modo per farvi sapere che teniamo particolarmente alla vostra salute.

E’ noto che ad alcuni pazienti, durante le terapie odontoiatriche per cause dirette o conseguenti, nonostante si utilizzino sempre prodotti di comprovata sicurezza, possono incappare in casi di emergenza, che mettono a repentaglio il loro stato di salute.

Credo sia un dovere per ogni professionista organizzare il proprio studio con dispositivi adeguati ed efficienti. Le emergenze non affrontate correttamente e senza i giusti presidi possono provocare conseguenze nefaste per il paziente.

Oggi lo studio odontoiatrico è un ambiente dove si praticano sofisticati interventi di micro chirurgia, terapie su pazienti anziani e su molti soggetti a rischio, ansiosi e stressati che possono avere reazioni negative che necessitino di un tempestivo intervento. Per questi motivi l’organizzazione delle emergenze è una priorità etica e giuridica molto importante. L’intervento deve essere tempestivo e la richiesta di soccorso specialistico al sistema territoriale  immediato.

Le principali patologie d’emergenza possono manifestarsi nell’apparato cardio-circolatorio in caso di:

• Tossicità sistemica agli anestetici locali e dei vasocostrittori

• Lipotimia

• Crisi ipotensiva

• Aritmie cardiache

• Angina pectoris

• Infarto miocardio acuto

• Edema polmonare acuto

• Arresto cardiaco.