Laser ND-YAG alta frequenza impulso lungo

Il laser in medicina trova applicazioni già dalla sua prima scoperta negli anni 60. Esistono molti tipi di laser, perché non esiste un laser che faccia bene tutto, ma esistono molti laser ognuno con la propria specificità.

In relazione all’uso a cui è destinato, spesso è necessario poter disporre di un laser che, produca una emissione continua  di radiazione luminosa a una data lunghezza d’onda. Altre volte deve produrre una emissione a impulsi brevi di intensità elevata. A volte è necessario un fascio di luce da 20 mm, altre volte ancora necessitiamo di  fasci di luce da 200 micron.

Questo è il motivo per il quale nel nostro studio dentistico non ci avvaliamo di una sola tecnologia Laser ma ne disponiamo di ben 3 differenti. Il nome può trarre in inganno in quanto i laser ND:YAG pur chiamandosi  allo stesso modo possiedono proprietà differenti che li rendono specifici a problematiche differenti.

Parlando dell’ND:YAG, questa sigla indica semplicemente che si tratta di  laser a stato solido e cioè,  il fascio di luce prodotto dal generatore, usa come mezzo attivo (sorgente di emissione) un cristallo di ittrio e alluminio (YAG), “drogato” con atomi di Neodimio (Nd).

Questo per dire che esistono differenze enormi tra un laser e un altro, e queste differenze diventano abissali quando si introduce il concetto di “diodo Laser” che veramente poco ha a che spartire con un Laser vero e proprio.

Il termine diodo laser spesso induce in errore ed è sempre bene tener presente, nella scelta del dispositivo medico a cui affidarsi,  che esiste una differenza fondamentale tra sorgente laser e sorgente laser a diodi. In un prossimo articolo spiegheremo meglio le differenze e le reali proprietà dei due. In sintesi possiamo riassumere che il diodo a causa i suoi limiti tecnici intrinsechi, non può possedere ed eguagliare le proprietà di un laser propriamente detto se non per bruciare e vaporizzare i tessuti.

Laser ND-Yag Meccanismo d’azione e effetti biologici 

La Laserterapia ad “Alto Potenziale” ND:YAG sfrutta le particolari caratteristiche fisiche della luce Laser con lunghezza d’onda di 1064 nm per trasferire energia ai tessuti sofferenti e ripristinare, attraverso l’effetto fotochimico, l’equilibrio energetico compromesso.

La conseguente riattivazione del metabolismo cellulare induce una cascata di effetti biologici che sfociano nella remissione del dolore, la diminuzione dell’infiammazione, il riassorbimento dell’edema.

IL Laser al Neodimio YAG: arriva ad una certa profondità, fino a 5-6 cm, ed è pertanto indicato nelle patologie muscolo-tendinee o traumatiche articolari.

VANTAGGI TERAPEUTICI DEL LASER YAG

L’effetto fotochimico e l’effetto fototermico

• Promuovono il recupero energetico dell’omeostasi tessutale

• Tale recupero si estrinseca in una cascata di effetti terapeutici

1. Antalgico

2. Antinfiammatorio

l’effetto fotomeccanico, sul microcircolo, è inoltre capace di esercitare una adeguata ginnastica vascolare

• Stimola direttamente la pompa linfodrenante

• Induce il rapido riassorbimento dell’edema

• Riduce le raccolte di trasudato e di essudato

• Rapida riduzione di raccolte sia di origine infiammatoria/traumatica che di natura idrostatica

• Rapido e duraturo effetto antinfiammatorio

• Spiccato effetto antalgico già dalla prima applicazione

• Azione efficace sulle patologie profonde:  sinoviti, tendinite

inoltre, il laser ND YAG garantisce:

• Tempi brevi di trattamento

• Un numero ridotto di sedute

• Un pronto recupero del paziente

• Il rapido ripristino della funzionalità

• Il trasferimento, in piena sicurezza ,dell’alta energia necessaria per il risultato terapeutico

• Un trattamento indolore, non invasivo,privo di effetti collaterali

• Facilità d’uso

• Semplice manovrabilità e posizionamento