Endodonzia

La terapia dell’interno del dente, l’endodonto. Devitalizzazione o ritrattamento, tecniche che permettono di mantenere asepsi allineano del dente e prevengono o curano i famigerati granulomi periapicali.
L’endodonzia di cosa si tratta

E’ una specialità dell’odontoiatria che si occupa della diagnosi e della terapia  nei processi patologici della polpa dei denti e dei tessuti periradicolari.

Si ricorre alla terapia endodontica detta anche devitalizzazione, quando una lesione cariosa o un trauma determina un’infiammazione irreversibile del tessuto pulpare, fino alla morte della polpa stessa. Altre volte si rende necessaria quando un dente già devitalizzato necessita, per svariati motivi, di un ritrattamento endodontico e cioè rimuovere il vecchio materiale infetto di chiusura e sostituirlo con uno nuovo sterile, dopo aver completamente decontaminato il sito infetto.

Le tecniche di cui ci avvaliamo, nel nostro studio di Losone, sono le più moderne e attuali disponibili sul mercato; prevedono l’utilizzo di strumenti rotanti in nichel-titanio, di strumenti ultra-sonici, di rilevatore elettronico d’apice, ozono terapia per la decontaminazione dei tessuti infetti e/o di Laser terapia per rimozione della dentina infetta, decontaminazione dei tessuti e vetrificazione della dentina, il tutto supportato dall’utilizzo di un sistema di ingrandimento intra-operatorio.

 

L’endodonzia le domande più frequenti:

 

Valgono le riflessioni citate per la conservativa, ma se prima l’utilizzo era mirato a salvare la vitalità del dente, ora il Laser servirà ad ottenere una devitalizzazione di qualità superiore con una decontaminazione più sicura ed efficace, nonché una sigillatura endodontica più durevole e predicibile nel lungo periodo grazie a una migliore rimozione della dentina infetta, una migliore attivazione dei disinfettanti e chelanti usati, un potere sterilizzante intrinseco di questa luce usata a specifiche frequenze e intensità di lavoro.

Vale sempre la regola, che non esiste un Laser che faccia bene tutto e per questo ritengo  indispensabile che lo studio sia attrezzato con più laser atti a risolvere al meglio le problematiche che potrebbero porsi.

I denti già devitalizzai, in determinate situazioni possono essere da ritrattare. In questo caso non viene fatta una vera e propria devitalizzazione, in quanto, il dente non possiede già più tessuti vivi al suo interno.

Capita però che i cementi e le chiusure endodontiche si siano in qualche modo infettate e per questo devono essere rimosse e sostituite dopo aver decontaminato la dentina infetta.

Questo procedimento è l’ultimo tentativo di salvare il dente, se fallisce il dente sarà da estrarre.

L’endodonzia e gli ultrasuoni

Gli ultrasuoni vengono utilizzati in endodonzia con l’ausilio di punte speciali, in situazioni differenti. Si utilizzano per rimuovere corpi estranei in un ritrattamento endodontico. Altre volte vengono usati per aprire la camera pulpare e rimuovere meglio la necrosi dentale. Con  apposite punte è possibile attivare il disinfettante all’interno dei canali radicolari.  In altre situazioni ancora può essere un ausilio per svitare perni moncone ecc..

sta di fatto che dal dentista rumoracci e vibrazioni sono garantiti, la fortuna è che con queste tecniche minimamente invasive  il decorso postoperatorio è indolore.

Contatto
Inviaci un'email
martucci@dentistalosone.ch
Via Mezzana 31/A - 6616 Losone